Brindisi

A noi due….
questo brindisi lo devo
a me stessa e alla mia borsa di studio per la quale sono risultata idonea ,
a te che mi hai sopportato in questa estenuante attesa,
a noi che siamo arrivati fino a qui ,
e a te, perchè il prossimo brindisi importante lo faremo alla tua laurea.

CIN- CIN

Annunci

Coincidenze della vita

Ci siamo conosciuti per caso in spiaggia. Ci siamo trovati davanti ad un gazebo sotto al quale stavano celebrando un matrimonio.

” ma cosa si sposano a fare questi, se fra un anno si separano? “
” già è vero. “
Nessuno dei due sapeva che anche l’altro non credeva nel matrimonio.
Nessuno dei due sapeva che anche l’altro era un figlio di separati.

Coincidenze della vita

Ora siamo qua. E ci crediamo ( non nel matrimonio , ma almeno nell’amore) Anche  a 250km di distanza.

Cambio delle gomme

Ho una macchina. O meglio, è di mamma ma la guido sempre io e su alcuni aspetti è di mia responsabilità.
Una di queste è il cambio delle gomme.
Ogni, circa sei mesi, c’è questa incombenza. Anzi questa menata. Questa palla. Questa noia.
Per questa volta, credo sia da ottobre che mia mamma mi ricorda che devo fare il cambio delle gomme. Ma all’inizio, pensavo, bhe se l’obbligo inizia a metà novembre lo faccio a novembre. No???
Una volta arrivato l’obbligo, tra una commissione e un impegno e il tirocinio non riuscivo a fermare la macchina. Era impossibile anche viaggiare con l’altra macchina. Io iniziavo alle 7 a tirocinio e uscivo di casa alle 6:30, mamma invece molto dopo. Era quindi inconciliabile. Il cambio delle gomme fu così rimandato per un’altra settimana, sperando che gli impegni diminuissero, ma niente.
L’obbligo scattò e io giravo ancora con le gomme estive. L’obbligo c’era soprattutto in autostrada, ma io decisi imperterrita di sfidare il destino del fermo della polizia e andare avanti con le gomme estive, senza neppure le catene.Ieri invece ho detto basta. Mi sono detta che non posso più rischiare.Ho caricato i pneumatici in macchina e ho percorso 250km, destinazione meccanico di Ferrara. Ho deciso che solo qua, da Alberto, sarei riuscita a fermare la macchina e quindi dovevo approfittarne per fare il cambio.
Detto -fatto, ecco che sabato mattina entriamo in ufficio del gommista e io ho solo da vergognarmi. E se mi chiedono il libretto? Come glielo spiego che vengo da Milano?

Piccola discussione

Quando sei dentro una relazione, sei dentro un mare in tempesta, sei dentro l’onda e non te ne accorgi. Al primo spiraglio di aria, esci dall’onda, prendi fiato e ti rendi conto di dove sei e cosa stai facendo.

Ne vale la pena rientrare in acqua?

Forse non più come prima, forse bisogna trovare il modo di calmare il mare o di imparare a nuotare nella tempesta.Forse….bisogna uscire completamente dall’acqua, andare a riva e prendere il sole.

Forse.. Bisogna solo parlare e saper chiedere aiuto.

Si.. Avete capito bene, io e Alberto abbiamo un po’ discusso.

Il paradosso è stato che nel frattempo che eravamo nel bel mezzo del nostro bellissimo scambio di opinioni, continuavamo a ricordarci reciprocamente che ci amiamo.

Fantastico. Meraviglioso e per nulla scontato